Che domini si posizionano meglio per la SEO?

Che domini si posizionano meglio per la SEO?

9 Luglio 2019 0 Di Domenico Puzone

Sicuramente si tratta di una domanda che ti sei fatto più di una volta quando stai comprando il tuo nome dominio per avviare il tuo progetto web: Che domini si posizionano meglio? Quale estensione di dominio posso usare per migliori risultai nella SEO? Di seguito vedremo quali sono le migliori estensioni di dominio per la SEO e sfateremo qualche mito che ancora circola in rete tra i “Guru”.

Quali sono le migliori estensioni di dominio per la SEO?

domenicopuzone dominio

Per prima cosa spieghiamo cos’è un’estensione di dominio e come è composto un dominio. I domini si compongono di due parti:

  • Nome
  • Estensione

Esempio: domenicopuzone è il nome, .com è l’estensione in questo caso. L’estensione di un dominio ha una grande importanza in termini SEO, non solo perché queste estensioni possono essere di tipi diversi (.com, .it, .net, .eu, ecc) ma anche perché ci consentono di poter giocare per ottenere combinazioni di parole chiave all’interno del nome del dominio stesso, ma ora parleremo anche di questo, ma se ti interessano gli EMD (domini a chiave esatta) leggi questo articolo.

Tipi di estensioni di dominio

Principalmente le estensioni da tener in conto, dal mio punto di vista, sono solamente due:

  • Domini globali e/o generici (.com, .net, .org, ecc)
  • Domini geolocalizzati o territoriali (.it, .fr, .es, ecc)

Come combinare nomi e estensioni per la SEO?

Ma ora veniamo al dunque: Domenico è possibile combinare nomi e estensioni per ottenere dei vantaggi SEO? 

Vediamo qualche combinazione interessante, poi ti dirò la mia più avanti.

1# Nome + Estensione = Parola chiave

Una delle combinazioni a cui ci si può trovare a far fronte è quella di combinare nome dominio e l’estensione per ottenere una parola chiave, facciamo un esempio: consulenteseo.online potrebbe essere una combinazione della parola chiave “Consulente seo online” e molto probabilmente potrebbe essere molto interessante all’ora di ottimizzare il dominio ed in fase di link building.

2# Nome + Estensione + parola URL = Parola chiave

Altro caso che potrebbe presentarsi .è quello dove nome, estensione e una parola chiave nell’url formano una parola chiave di long tail, esempio: cosavedere.in potrebbe all’apparenza essere un semplice nome+estensione, ma in realtà se la struttura accompagna potrebbe convertirsi in una parola chiave di coda lunga: cosavedere.in/america. 

3# Nome + Estensione = Parola chiave + Parola URL = Altra parola chiave

Un po’ complicato a leggersi al primo impatto, ma questo è il caso in cui il nome + l’estensione del dominio formano una parola chiave, ma aggiungendo una parola all’url otteniamo un’altra keyword.

Esempio pratico:

  • “consulenteseo.online” parola chiave : Consulente seo online
  • consulenteseo.online/milano otteniamo un’ulteriore parola chiave.

4# Domini con nome geolocalizzato e estensione globale o generica

I domini con estensione globale (.com, .net, ecc) sono pensati per potersi posizionare ovunque, esempio: www.smartv.com potrebbe posizionarsi in Spagna, Messico, Chile e altri paesi dove si parla spagnolo se il contenuto di questa pagina web fosse in spagnolo.

Ma se invece abbiamo un dominio con estensione globale ma con un nome geolocalizzato al suo interno? Esempio: consulenteseomilano.com. Non succede nulla, il dominio si posizionerà ugualmente a Milano anche se presenta l’estensione .com.

5# Domini con estensione geolocalizzata ma con target globale

Spesso mi capita di vedere siti web con estensione .it che vogliono posizionarsi su mercati inglesi, questo ovviamente rappresenta un problema perché già di base diciamo al motore di ricerca che il nostro sito si rivolge ad un pubblico italiano (.it) e quindi il motore di ricerca tenderà ad escluderci da altri paesi (esempio in Francia) e sarà molto più complicato, e controproducente direi, provare a posizionarsi, ma non proprio impossibile.

6# Eccezioni creative

Il punto 6 è molto interessante perché andremo a vedere come estensioni ad uso creativo in realtà potrebbero posizionarsi perfettamente anche in altri mercati. Prima abbiamo fatto l’esempio di cosavedere.in, in realtà “.in” è l’estensione indiana, ma andando ad ottimizzare la web per il pubblico italiano (contenuto italiano, link provenienti da siti web italiani, ecc) il sito potrebbe posizionarsi su Google.it.

Quindi in realtà bisogna semplicemente svolgere un buon lavoro di ottimizzazione SEO. Il problema del punto precedente (il punto 5 per intenderci) è che spesso web .it cercano di gestire dei siti multilingua.

Miti SEO sulle estensioni dei domini

Ma ora veniamo al dunque e vediamo quali sono i miti SEO sui nomi a dominio. Qui ci sono una serie di domande che spesso vengono fatte riguardo ai domini, spero possano esserti utili:

E’ più facile posizionare un dominio .com?

No. I domini .com sono quelli più visti e quindi quelli più facili da ricordare, a livello SEO un .com o un .it, oppure un dominio .net, non fanno nessuna differenza in termini di posizionamento.

Le estensioni .club, .space, ecc sono raccomandabili da utilizzare per la SEO?

Si tratta di un dominio, tutto dipende dall’ottimizzazione che realizzeremo a livello SEO. Quindi puoi usarli come vuoi, soprattutto se riesci a combinarli per creare una parola chiave.

Funziona la SEO con domini di terzo livello come .blogspot.com, .wordpress.com, .wix ecc ?

Partiamo dicendo che i terzi livello sono dei domini a se, ovvero che non beneficiano per nulla del trust del dominio principale (blogspot.com, wordpress.com o giallozafferano.com). Per quanto riguarda la SEO sì è possibile posizionare un dominio di terzo livello, il problema di piattaforme come quelle appena citate è che non ti consentono di fare diverse ottimizzazioni che io reputo necessarie per un sito web che piaccia al motore di ricerca, quindi per questo si consiglia di evitarle.

Se il mio target è in Italia mi aiuta scegliere un .it piuttosto che un .com?

No, è la stessa cosa. Ho fatto dei test in passato sui domini e l’estensione .it non da nessun vantaggio rispetto al .com o viceversa, scegli quello che più si adatta alle tue esigenze, ma se puoi scegliere tra un .it e un .com in ogni caso ti dico di comprarli entrambi per proteggere il tuo nome.

Questo è praticamente tutto quello che riguarda i domini e la SEO, quindi come potete vedere puoi scegliere il dominio che più ti piace con piccolissime accortezze.